Guacamole, la ricetta della salsa messicana | Sapori dal mondo

Guacamole, la ricetta della salsa messicana | Sapori dal mondo

Messico. Il paese dei Maya e degli Atzechi, di spiagge da sogno e rovine antichissime. Il paese dei cactus e dei sombreri, di siesta al sole sorseggiando margarita ghiacciati. Musica mariachi e cucina dai sapori forti e dai colori vibranti che sembrano usciti da un quadro di Frida Kahlo. E con la mia super collaudata ricetta del Guacamole, l’occasione per portare a tavola un po’ dei colori e degli aromi di una delle cucine più allegre del mondo (nonché Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO) è presto servita.

 

 

Il Guacamole è una salsa a base di avocado, ormai celebre in tutto il mondo, la cui origine risale addirittura al tempo degli Aztechi. Ottima da gustare insieme a nachos e tortillas, annaffiata da birra fredda o da un buon margarita, il guacamole è l’antipasto messicano per eccellenza.  Nel suo nome è racchiusa tutta la semplicità di questa ricetta tanto salutare quanto dal grande potere afrodisiaco. Il termine guacamole deriva infatti dallo spagnolo messicano via Nahuatl: AhuacaMolli  (da Ahuacatl, “avocado”, e molli, “salsa“). La ricetta originale prevedeva l’uso esclusivo della purea di avocado mescolata a succo di lime, sale e peperoncino verde Serrano del Sol, una varietà tipica del Messico, mentre quella più conosciuta oggi è in realtà una versione più elaborata che comprende altri ingredienti, quali il pomodoro, la cipolla, il coriandolo, l’aglio e il peperoncino jalapeño, che rendono questa salsa ancora più gustosa e saporita. Nella ricetta che troverete su questo blog ho preferito usare il prezzemolo al posto del coriandolo, omettendo del tutto il peperoncino, che si può eventualmente sostituire anche con qualche goccia di tabasco. C’è chi per fare il guacamole utilizza lo yogurt greco o, come negli Stati Uniti, panna acida e maionese, due versioni che si discostano troppo dalla ricetta originale, la più semplice ma anche la più buona.

 

 

Preparare il guacamole è molto facile, non serve usare il frullatore ma basta lavorare tutto a mano, in un mortaio o con una semplice forchetta, in modo che la consistenza della salsa rimanga densa e cremosa, facilmente spalmabile. Il segreto per la riuscita di un ottimo guacamole sta nell’utilizzo di un avocado maturo al punto giusto. Nella cucina messicana il guacamole, oltre ad accompagnare alcuni piatti tipici come i tacos o le quesadillas, si serve solitamente come antipasto insieme a nachos e tortillas, ma è ottimo anche spalmato sul del semplice pane tostato o dei crackers. A mio parere va bene anche per accompagnare dei secondi piatti di carne alla griglia o di pesce, Io l’ho provato su un trancio di salmone grigliato ed era semplicemente squisito! Un altro abbinamento che ha il suo perchè è pane tostato, guacamole e uovo in camicia…una bontà. D’estate poi può essere il condimento ideale di una fresca insalata di pasta, in abbinamento a gamberetti, tonno o salmone affumicato. Vi ho stuzzicato un po’ il palato? E, allora, buon appetito!

 

 

Stampa
Guacamole
Preparazione
15 min
 

La ricetta del guacamole, salsa a base di avocado, una vera e propria icona della cucina messicana

Piatto: Antipasti & Finger Food
Cucina: Messicana
Porzioni: 4 persone
Autore: Enrica
Ingredienti
  • 3 avocado
  • 2 lime , succo
  • 2 pomodori qualità "Roma" , ben sodi
  • 1 cipolla rossa
  • 1 spicchio aglio
  • 1/2 peproncino Jalapeno (facoltativo)
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • q.b. sale e pepe
Procedimento
  1. Per preparare la salsa guacamole, iniziate tritando finemente la cipolla, l’aglio e il coriandolo (in alternativa va bene anche il prezzemolo). Lavate e tagliare a dadini il peperoncino, privato dei semi interni. Fare la stessa cosa anche con i pomodori.


  2. Dividete a metà gli avocado in senso longitudinale (devono essere maturi, se non fossero ancora pronti, teneteli un paio di giorni vicino a mele o banane), eliminate il nocciolo centrale, sbucciatelo e tagliate la polpa in pezzetti, che metterete in una ciotola.


  3. Spruzzate la polpa di avocado con il succo dei lime e condite con un pizzico di sale. Se non trovate il lime potete sostituirlo benissimo con il limone. Schiacciate la polpa con i rebbi di una forchetta o con il pestello di un mortaio, come quello che si usa per preparare il pesto. 


  4. Aggiungete il resto degli ingredienti, miscelando con cura e aggiustando di sale. La consistenza della salsa dovrà risultare morbida e cremosa. Se volete un guacamole meno grossolano, si può usare il frullatore a immersione. L’importante è non mettere troppa cipolla e peperoncino quando si frulla per evitare rischia che il loro gusto diventi troppo dominante.


  5. Coprite il guacamole con pellicola alimentare e lasciatelo riposare in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.
Note
  • Il guacamole va conservato in frigorifero all’interno di un contenitore a chiusura ermetica, per evitarne l’ossidazione, avendo l’accortezza di mettere della pellicola trasparente tra il coperchio del contenitore e il contenitore stesso. Si conserva per non più di tre giorni.

  • Pur essendo molto calorico, l’avocado è ricco di grassi monoinsaturi come l’acido linoleico e gli Omega 3, che fanno particolarmente bene al cuore e a chi ha problemi di colesterolo.

 

Sommario
recipe image
Recipe Name
Guacamole
Pubblicato su
Preparazione
Tempo totale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *