Pizza Parigina, il classico dello street food napoletano

Pizza Parigina, il classico dello street food napoletano

Ho sempre pensato che una città la si conosce veramente solo a tavola, non solo ammirandone le bellezze naturali e artistiche. Perché poche cose ti raccontano della storia e della cultura di un luogo quanto il cibo di cui è l’espressione più genuina. E a Napoli questo è più vero che in qualunque altro posto al mondo. A Napoli il cibo è qualcosa di sacro, come la 10 di Maradona e il sangue di San Gennaro, ma quello di strada lo è ancora di più. Molto prima che lo “street food” diventasse la moda del momento, Napoli già brulicava di venditori ambulanti e banchetti di cibo da asporto traboccanti di ogni ben di Dio. Pizze fritte o a portafoglio, crocchè di patate, arancini, paste cresciute, scagliozzi, panzerotti, zeppole, pagnottielli,  ‘o pere e ‘o musso, taralli nzogna e pepe, frittatine di maccheroni e ogni genere di fritto servito “int’o cuoppo” di carta, da portare in giro e mangiare rigorosamente con le mani. E tra i tanti “sfizi” di strada che Napoli vanta, c’è senza dubbio la pizza parigina. Non vi sono notizie certe sull’origine del nome, secondo alcuni deriverebbe dall’espressione napoletana “pa’regin‘”, ossia “per la regina”, e quindi come per la sorella maggiore Margherita anche questa pizza sarebbe stata preparata in onore di un’imprecisata sovrana; ma con ogni probabilità il nome “parigina” si deve proprio alla presenza della pasta sfoglia, una preparazione tipicamente di origine francese. Ma non lasciatevi ingannare dal nome, perché la parigina è un rustico che ha poco a che fare con la Francia, originaria com’è di una rosticceria di Afragola, un comune dell’entroterra napoletano.

 

 
A metà tra la pizza tradizionale e un rustico farcito, la parigina è un must dello street food napoletano, onnipresente in ogni bar e rosticceria della città dove spesso è consumata come spuntino di metà mattina, ma vi svelo un segreto: è facilissima da preparare anche a casa! Classico impasto sotto, fragrante pasta sfoglia sopra e, in mezzo, un goloso ripieno di pomodoro, prosciutto cotto e provola. Un connubio unico e irresistibile che unisce la morbidezza dell’impasto di pizza e la croccantezza della pasta sfoglia, saldati insieme da un ripieno filante da leccarsi i baffi. Una delizia salata perfetta da portare in tavola per un salva cena dell’ultimo minuto, per un aperitivo informale con gli amici davanti alla tv o per i buffet delle vostre feste. Ottima sia calda che fredda, si può preparare con largo anticipo, riscaldandola poco prima di essere servita. 
 

 
La ricetta è molto semplice e veloce da realizzare, e potete sbizzarrirvi con le varianti che più preferite e restando nel segno della tradizione vi consiglio tre abbinamenti top: salsiccia e friarielli, con la scarola ripassata in padella o con i peperoni fritti. Mi fermo qui e vi lascio tutti i passaggi per preparare a casa questa bontà.
 

 

Stampa
Pizza Parigina
Preparazione
10 min
Cottura
30 min
Tempo totale
40 min
 

Un classico dello street food partenopeo, una focaccia rustica dal ripieno irresistibile

Piatto: Torte salate e rustici
Cucina: Napoletana
Autore: Enrica
Ingredienti
  • 1 rotolo pasta sfoglia rettangolare
  • 1 rotolo pasta per pizza rettangolare
  • 150 gr prosciutto cotto
  • 100 gr provola (o altro formaggio filante) a fette sottili
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • 200 ml passata di pomodoro
  • 1 uovo
  • olio di oliva q.b.
  • sale q.b.
Procedimento
  1. Srotolate l’impasto pronto per pizza sul piano da lavoro e passarci sopra il matterello per stenderlo piuttosto sottile; trasferitelo con tutta la carta forno sulla leccarda o in una teglia rettangolare abbastanza grande. 


  2. Salate la passata di pomodoro e conditela con un filo d’olio extra vergine d’oliva. Versarne metà sulla pasta della pizza e spargetela bene. Aggiungete il prosciutto cotto tagliato a fette sottili e il formaggio a pezzi (è ottima la provola a fette, ma va bene qualsiasi formaggio a pasta filante) e, infine, una spolverata di parmigiano.


  3. Ricoprite con la pasta sfoglia e, aiutandovi con le mani, sigillate bene i bordi per evitare che in cottura fuoriesca tutto il ripieno. Bucherellare la superficie coi rebbi di una forchetta (in questo modo la parigina non si gonfierà) e spennellare per bene con l’uovo sbattuto.


  4. Preriscaldate il forno a 180 °C e cuocete per 30 minuti. Sfornate, lasciate riposare per qualche minuto e tagliatela a quadrotti. Et voilà, la parigina è servita.

Note
  • La potete preparare in anticipo, scaldandola qualche minuto prima di servirla e non perderà affatto la sua consistenza.

  • Per una perfetta riuscita della pizza parigina, utilizzate la pasta per pizza e la pasta sfoglia delle stesse dimensioni, quindi o entrambe rettangolari o entrambe rotonde.

 

Sommario
recipe image
Recipe Name
Pizza Parigina
Pubblicato su
Preparazione
Cottura
Tempo totale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *